AchterTaiChiTao
Associazione Insieme
- ARTICOLI -
- ARCHIVIO -
L'angolo di Vigo(51)
La salute della colonna vertebrale dal punto di vista energetico(14)
La Cromologia(13)
Le lezioni di Vigo(13)
Curiosità(5)
Open day(2)
Mineralogia(1)
- CERCA -
La Cromologia
Puntata N° 5

La percezione del colore

Considerare i colori unicamente come fenomeni fisici significa ignorare completamente la sensibilità dell’essere umano verso di essi.

Per Goethe i colori non potevano essere osservati e studiati separatamente dall’uomo. Riteneva che descrivere i colori semplicemente come onde fosse un errore.

La stessa cosa sostiene il Vigo nelle sue lezioni, riporto fedelmente un brano tratto da una sua presentazione di PowerPoint: “il sistema percettivo ci mette in relazione con i colori attraverso il senso del tatto. Sembra paradossale affermare che mediante il tatto si riesca ad entrare in contatto con i colori, se è vero che con la vista riusciamo a vedere la parte materiale del colore, è altrettanto vero che con il tatto riusciamo a percepire le vibrazioni energetiche emesse dal colore, è solo una questione di sensibilità.

I ciechi, che non hanno la possibilità di vedere, riescono mediante il tatto a percepire quello che non riescono a vedere.

La percezione ci permette di esaminare il colore nel duplice aspetto della materialità e della spiritualità”.

Approfondisce il concetto dicendo: “la percezione del colore a parer mio è fondamentale per una buona applicazione della Cromologia così come percepire il colore attraverso l’aspetto energetico - spirituale e non solo attraverso l’aspetto meccanico. L’aspetto materiale del colore si trasforma in forza spirituale dell’energia che emerge dal cromatismo. Il colore è una realtà di fatto che oltre a soddisfare i sensi soddisfa anche un’interiorità”.

Osservando un’immagine splendidamente colorata, non percepiamo solamente una banale sensazione visiva ma un impulso che coinvolge la nostra coscienza nella sua globalità.

I colori sono un evento, appartengono innanzi tutto al dominio del nostro animo e, solo in secondo luogo, a quello della ragione.

avatar Adelia