AchterTaiChiTao
Associazione Insieme
- ARTICOLI -
- ARCHIVIO -
L'angolo di Vigo(51)
La salute della colonna vertebrale dal punto di vista energetico(14)
La Cromologia(13)
Le lezioni di Vigo(13)
Curiosità(5)
Open day(2)
Mineralogia(1)
- CERCA -
L'angolo di Vigo
Puntata N° 50

La carta geografia della sanità pubblica

In Italia diversi medici prestano la loro professione nell'ambito della medicina non convenzionale, se dovessero prendere la metà dei soldi che hanno fatto risparmiare allo stato sarebbero ricchi sfondati. Per contro ci sono altri medici che operano nella medicina ufficiale, ricchi sfondati, che hanno fatto spendere montagne di soldi allo stato senza ottenere granché di risultati. Poi altri medici, questi sono i più, che operano nell'anonimato, con turni massacranti nei pronto soccorsi di tutti gli ospedali della repubblica, sotto pagati, che cercano, quanto meglio possono di aiutare quella schiera di esseri umani che tutti i giorni affollano i pronto soccorsi alla ricerca di un aiuto e di un po' di sollievo alle loro malattie che un sistema sanitario poco avveduto ha cronicizzato.

Questa è la carta geografica di una sanità pubblica che si vanta di essere all'avanguardia e che invece al netto di alcuni momenti felici è molto deficitaria. Perché la medicina ritorni ad essere utile all'umanità deve iniziare a rivalutare la reale natura propria di ogni essere umano, considerando la indivisibilità di corpo e di mente come punto di forza per iniziare a comprendere il suo reale funzionamento. Solo quando la medicina sarà riuscita a far questo la salute collettiva potrà essere recuperata, dando all'essere umano dignità. Le varie scienze si devono coalizzare per operare in concerto tra loro in modo che una non sia in conflitto con l'altra, solo operando sorretti da un ordine coerente si può giungere ad una conclusione realmente utile per il bene comune.