AchterTaiChiTao
Associazione Insieme
- ARTICOLI -
- ARCHIVIO -
L'angolo di Vigo(58)
La Cromologia(15)
La salute della colonna vertebrale dal punto di vista energetico(14)
Le lezioni di Vigo(13)
Astrologia - L'angolo di Janani(6)
Curiosità(5)
Astrologia(3)
Open day(2)
Sofrologia(2)
Mineralogia(1)
Conosci te stesso(1)
- CERCA -
Astrologia - L'angolo di Janani

LUNA: la grande Madre

Nessuna Stella, o Pianeta ha affascinato l’uomo come la Luna. Attraverso le sue fasi, l’Astro della notte ha da sempre popolato l’immaginazione dell’essere umano con le fantasie, i sogni, i ricordi, le visioni e la creatività.
Il geroglifico della Luna è quello di una falce o mezzaluna, orizzontale o verticale e deriva dall’ideogramma utilizzato nella civiltà greca. L’Astro non ha luce propria, bensì riflette quella del Sole. Da qui il simbolismo che associa la Luna alla funzione femminile ricettiva, intuitiva e creativa. Le Divinità Lunari sono moltissime ma tutte si riconoscono nel concetto fondamentale della Grande Madre.
Iside nella cultura Egizia era la dea dell’amore, era chiamata madre dell’universo e da lei dipendeva ogni forma di vita sulla terra. Regolava le gravidanze e i parti, stimolava i cicli vegetali e regolava le acque. La trasposizione della dea Lunare nella cultura cristiana diviene la Vergine Madre, colei che protegge e dona amore ai suoi figli. Ishtar, nella cultura Babilonese aveva il potere di dare e togliere al vita. E’ la dea della fertilità dalla quale proviene il potere sulle cose viventi. A lei è riservata la facoltà di far crescere i prodotti dei campi, la riproduzione degli animali e dell’uomo.
Astarte era la dea lunare dei Fenici e degli Ebrei. Lilith, o la Luna Nera, è associata all’inconscio, alle sue profondità e alle sue zone oscure. In Astrologia la Luna è collegata all’attività onirica, alla sensibilità, alle emozioni e alla creatività.
La Luna è il mistero, la notte con le sue ombre e il suo silenzio. Nell’immaginario collettivo la Luna è il luogo in cui si rifugiano i sogni e da lì prendono forma. Il grembo della notte avvolge la Luna come il grembo oscuro della Terra protegge il seme. Nel ventre materno l’uomo cresce e nascendo diviene colui che è chiamato a fecondare la Terra con il suo lavoro, con il suo sentire e con il suo amare. Il Segno del Cancro, guidato dalla Luna, è il regno delle emozioni e dell’amore che dona e rinnova la vita. Con il distacco dalla madre, il bambino, divenuto uomo, si avventura nel mondo, crea esperienze e costruisce relazioni alla ricerca di un altro, o di altri esseri da amare. E’ la nascita della famiglia, di sangue o spirituale che ci accompagna per tutta la vita. Il coraggio di nascere come individui, di sperimentarci come tali e di camminare sulle nostre gambe è la sfida che la Grande Madre: la Luna ci propone. L’Astro della notte ci chiede di guardare oltre le ombre, emotive e mentali, per vedere la strada che ciascuno di noi può percorrere illuminata dalla sua Luce.

Secondo l’Astrologia Olistica la Luna rappresenta l’infanzia e la relazione con la madre, ma anche il successo e la popolarità. La Luna rappresenta una memoria emotiva del passato, è il nostro modo di rispondere o reagire agli eventi esterni. La Luna, attraverso i Nodi Lunari Sud e Nord, nel Cielo di nascita descrive l’esperienza emotiva che una persona ha vissuto nella vita precedente e segnala l’attuale cammino emotivo da sviluppare per vivere in armonia con le proprie Stelle interiori. A livello fisiologico la Luna è collegata agli organi riproduttivi femminili, al seno e agli organi che regolano la funzione nutritiva come lo stomaco. Vorrei accennare alle qualità che la Luna riceve, in base al Segno in cui si trova, quando una persona nasce. Queste qualità rappresentano il “colore emozionale” e la “particolare sfumatura” dell’individuo.